Quando il corpo è un’enorme «banca dati»