«Rivolgeranno omai dal mare il corso…». La traduzione di un’elegia triste e altre risonanze ovidiane nel giovane Leopardi