Il "Convivio" e l'allegoria dei poeti