I «Versi per la domenica di Pasqua» di Arsenio: testo, traduzione, commento