Dante, Ulisse e il richiamo del lontano