Gestire il cambiamento: Renzi, il Pd e il nuovo “collateralismo