Linguaggio e metamorfosi: Elias Canetti e le lingue