La provincia dell'uomo: Elias Canetti, l'umanesimo del diverso e del vivente