Quella umanità condannata a una perenne non vita virtuale