«Shadow of the Flesh or its Venom»The body-mind problem in Peter Schlemihl’s wonderful Story by Adelbert von Chamisso.Renata Gambino e Grazia Pulvirenti(Università degli Studi di Catania)This work aims to propose a new analysis of a very recurrent literary motif: that of selling the shadow, which became very famous thanks to a masterpiece of the German Romantics, the novel of Adelbert von Chamisso Peter Schlemihl’s wonderful story. The attempt here is to interpret the paradoxical splitting of the body from the shadow within the frame of the traditional philosophical “mind-body problem”, crossing this perspective with recent neuro-cognitive studies about it. Therefore the literary image of the shadow is interpreted as figurative representation of a part, or level, of the main character’s consciousness. The research about the definition of human consciousness and about the boundaries set between the mind and the body, were for German Romantic authors a core question, not only in religious and philosophical terms but also for the scientific empirical research. How this topic was permeating the time is made evident by observing the innovative scientific studies of that time about optics, physiology, physiognomic but also the very popular fashion of cutting silhouettes and of painting the casted shadows in order to look for the essence of the object. The shadow in the novel will be interpreted as a “layer” of the complex human conscious life, as signature of the never ending human need of experiencing truth and of structuring the fundamental relation between subject and environment.

Questo contributo propone una nuova analisi del motivo dell’ombra in un capolavoro del romanticismo tedesco La storia meravigliosa di Peter Schlemihl (1813) di Adelbert von Chamisso, a partire dalla secolare questione filosofico-scientifica relativa al dualismo corpo-mente introdotto da Cartesio. L’ombra viene da noi interpretata come segnatura della coscienza individuale, come scrittura per immagini dell’interiorità dell’individuo, della sua dimensione invisibile, proiettata nei segni della corporeità.In quanto fenomeno fisico, l’ombra, intesa come traccia del corpo, ha anche profonde valenze metaforiche, che nel primo romanticismo tedesco trovano espressione in vari ambiti: dagli studi scientifici di ottica, fisiologia e fisiognomica, alla pratica del ritaglio e della silhouette, alla letteratura e alle arti figurative. Proponiamo qui una esegesi del motivo dell’ombra, a partire dalle valenze desunte all’interno del dibattito fisico-fisiologico sulla visione, sia come “scrittura delle qualità dell’individuo”, ovvero come proiezione della sua essenza interiore sul piano materiale, sia come oggetto dell’atto conoscitivo. Metodologicamente ci avvaliamo dei recenti studi d’ambito neurocognitivo riguardanti la coscienza umana, il suo sviluppo e la sua manifestazione come traccia sensibile di un esperimento con la verità, di una relazione tra l’io cosciente e l’alterità del mondo conoscibile.

«Ombra della carne, o suo veleno» Il problema mente-corpo nella Storia meravigliosa di Peter Schlehmil di Adelbert von Chamisso

GAMBINO, RENATA GIUSEPPA;PULVIRENTI, Grazia
2015

Abstract

Questo contributo propone una nuova analisi del motivo dell’ombra in un capolavoro del romanticismo tedesco La storia meravigliosa di Peter Schlemihl (1813) di Adelbert von Chamisso, a partire dalla secolare questione filosofico-scientifica relativa al dualismo corpo-mente introdotto da Cartesio. L’ombra viene da noi interpretata come segnatura della coscienza individuale, come scrittura per immagini dell’interiorità dell’individuo, della sua dimensione invisibile, proiettata nei segni della corporeità.In quanto fenomeno fisico, l’ombra, intesa come traccia del corpo, ha anche profonde valenze metaforiche, che nel primo romanticismo tedesco trovano espressione in vari ambiti: dagli studi scientifici di ottica, fisiologia e fisiognomica, alla pratica del ritaglio e della silhouette, alla letteratura e alle arti figurative. Proponiamo qui una esegesi del motivo dell’ombra, a partire dalle valenze desunte all’interno del dibattito fisico-fisiologico sulla visione, sia come “scrittura delle qualità dell’individuo”, ovvero come proiezione della sua essenza interiore sul piano materiale, sia come oggetto dell’atto conoscitivo. Metodologicamente ci avvaliamo dei recenti studi d’ambito neurocognitivo riguardanti la coscienza umana, il suo sviluppo e la sua manifestazione come traccia sensibile di un esperimento con la verità, di una relazione tra l’io cosciente e l’alterità del mondo conoscibile.
«Shadow of the Flesh or its Venom»The body-mind problem in Peter Schlemihl’s wonderful Story by Adelbert von Chamisso.Renata Gambino e Grazia Pulvirenti(Università degli Studi di Catania)This work aims to propose a new analysis of a very recurrent literary motif: that of selling the shadow, which became very famous thanks to a masterpiece of the German Romantics, the novel of Adelbert von Chamisso Peter Schlemihl’s wonderful story. The attempt here is to interpret the paradoxical splitting of the body from the shadow within the frame of the traditional philosophical “mind-body problem”, crossing this perspective with recent neuro-cognitive studies about it. Therefore the literary image of the shadow is interpreted as figurative representation of a part, or level, of the main character’s consciousness. The research about the definition of human consciousness and about the boundaries set between the mind and the body, were for German Romantic authors a core question, not only in religious and philosophical terms but also for the scientific empirical research. How this topic was permeating the time is made evident by observing the innovative scientific studies of that time about optics, physiology, physiognomic but also the very popular fashion of cutting silhouettes and of painting the casted shadows in order to look for the essence of the object. The shadow in the novel will be interpreted as a “layer” of the complex human conscious life, as signature of the never ending human need of experiencing truth and of structuring the fundamental relation between subject and environment.
romanticismo tedesco, problema corpo-mente; critica letteraria, naratologia, coscienza.
german Romaticism, consciousness, literry criticism, mind-body discourse, narratology.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/19916
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact