Ian McEwan: la voce della dissidenza