La Sanūsiyya tra spiritualità e resistenza