È davvero esistito il siciliano tre-quattrocentesco?