Prolegomena per una lettura filologica della "Virginal" di Dresda