Adaptation of indigenous parasitoids to Tuta absoluta in Italy: the parasitic wasp Bracon nigricans - During the years following the first report in Italy of the South American tomato pinworm, Tuta absoluta (Meyrick) (Lepidoptera: Gelechiidae), several indigenous generalist parasitoids have been recorded on this new host. Among these, only a few have been identified as potential biological control agents for the pest. In particular, the parasitoid Bracon nigricans Szépligeti (Hymenoptera: Braconidae), widely distributed in the whole Palaearctic region, has been largely found on the invasive moth. Data on B. nigricans biological traits on T. absoluta are here reported. Laboratory trials have been conducted to define the parasitoid host stage preference, its life tables, the young instars developmental time, its longevity, its reproductive behaviour , its progeny sex-ratio, the wasp host-killing activity, the effect of the host density on the parasitoid fecundity, fertility and biocontrol activity and the effect of a sugary-protenic diet on the adults performance. Bracon nigricans proved to be an idiobiont, synovigenic, gregarious, ectoparasitoid of T. absoluta 3rd and 4th instar larvae, with a slightly male-biased sexratio. Female wasps showed behavioural plasticity in host use, as initial host paralysis was followed by either host-feeding, oviposition or a rejection of the host. This led to high mortality rate in the exposed hosts (around 70%). While, only 33% of the laid parasitoid eggs reached adulthood, suggesting that the exotic moth showed only a partial suitability for the endemic parasitoid development. Although further field studies are needed, data obtained under laboratory conditions suggest that B. nigricans could be considered as a potential biological control agent of T. absoluta in the newly invaded areas.

Negli anni successivi alla prima segnalazione in Italia della Tignola del pomodoro, Tuta absoluta (Meyrick) (Lepidoptera: Gelechiidae), diversi parassitoidi indigeni generalisti sono stati ritrovati su questo nuovo ospite. Tra questi, solo alcuni sono stati identificati come potenziali agenti di controllo biologico del fitofago esotico. In particolare, il parassitoide Bracon nigricans Szépligeti (Hymenoptera: Braconidae), distribuito nell’intera regione Paleartica, è stato largamente rinvenuto sul lepidottero esotico. Sono qui riportati dati sulla biologia di B. nigricans su T. absoluta. Prove di laboratorio sono state condotte per definire la preferenza per lo stadio dell’ospite, le tavole di sopravvivenza e di durata dello sviluppo degli stadi giovanili, la longevità, la riproduzione degli adulti e la sex-ratio della loro progenie, l’attività di host-killing, l’effetto della densità dell’ospite sulla fecondità, sulla fertilità e sull’attività di biocontrollo nonché l’effetto di un nutrimento artificiale zuccherino-proteico sulle performance degli adulti. Bracon nigricans è risultato essere un ectoparassitoide idiobionte, gregario e sinovigenico di larve di 3a e 4a età di T. absoluta con una sex-ratio leggermente sbilanciata a favore dei maschi. Le femmine hanno fatto registrare una plasticità comportamentale nell’utilizzazione dell’ospite, testimoniata dal fatto che l’iniziale paralisi dell’ospite fosse seguita da host-feeding, da ovideposizione o da rifiuto dell’ospite. Ciò ha comportato elevati livelli di mortalità negli ospiti esposti (intorno al 70%); mentre solo il 33% delle uova deposte ha raggiunto lo stadio adulto, facendo desumere che il nuovo ospite, T. absoluta, non sia pienamente adatto allo sviluppo del parassitoide indigeno. Nonostante siano necessari ulteriori studi in condizioni di campo, i dati ottenuti in laboratorio suggeriscono che B. nigricans possa essere considerato un potenziale agente di controllo biologico di T. absoluta nelle aree di nuova colonizzazione.

Adattamento di limitatori indigeni di Tuta absoluta in Italia: il parassitoide Bracon nigricans

ZAPPALA', LUCIA;Biondi A.;SISCARO, Gaetano;TROPEA GARZIA, Giovanna Maria Daniela;
2013-01-01

Abstract

Negli anni successivi alla prima segnalazione in Italia della Tignola del pomodoro, Tuta absoluta (Meyrick) (Lepidoptera: Gelechiidae), diversi parassitoidi indigeni generalisti sono stati ritrovati su questo nuovo ospite. Tra questi, solo alcuni sono stati identificati come potenziali agenti di controllo biologico del fitofago esotico. In particolare, il parassitoide Bracon nigricans Szépligeti (Hymenoptera: Braconidae), distribuito nell’intera regione Paleartica, è stato largamente rinvenuto sul lepidottero esotico. Sono qui riportati dati sulla biologia di B. nigricans su T. absoluta. Prove di laboratorio sono state condotte per definire la preferenza per lo stadio dell’ospite, le tavole di sopravvivenza e di durata dello sviluppo degli stadi giovanili, la longevità, la riproduzione degli adulti e la sex-ratio della loro progenie, l’attività di host-killing, l’effetto della densità dell’ospite sulla fecondità, sulla fertilità e sull’attività di biocontrollo nonché l’effetto di un nutrimento artificiale zuccherino-proteico sulle performance degli adulti. Bracon nigricans è risultato essere un ectoparassitoide idiobionte, gregario e sinovigenico di larve di 3a e 4a età di T. absoluta con una sex-ratio leggermente sbilanciata a favore dei maschi. Le femmine hanno fatto registrare una plasticità comportamentale nell’utilizzazione dell’ospite, testimoniata dal fatto che l’iniziale paralisi dell’ospite fosse seguita da host-feeding, da ovideposizione o da rifiuto dell’ospite. Ciò ha comportato elevati livelli di mortalità negli ospiti esposti (intorno al 70%); mentre solo il 33% delle uova deposte ha raggiunto lo stadio adulto, facendo desumere che il nuovo ospite, T. absoluta, non sia pienamente adatto allo sviluppo del parassitoide indigeno. Nonostante siano necessari ulteriori studi in condizioni di campo, i dati ottenuti in laboratorio suggeriscono che B. nigricans possa essere considerato un potenziale agente di controllo biologico di T. absoluta nelle aree di nuova colonizzazione.
Adaptation of indigenous parasitoids to Tuta absoluta in Italy: the parasitic wasp Bracon nigricans - During the years following the first report in Italy of the South American tomato pinworm, Tuta absoluta (Meyrick) (Lepidoptera: Gelechiidae), several indigenous generalist parasitoids have been recorded on this new host. Among these, only a few have been identified as potential biological control agents for the pest. In particular, the parasitoid Bracon nigricans Szépligeti (Hymenoptera: Braconidae), widely distributed in the whole Palaearctic region, has been largely found on the invasive moth. Data on B. nigricans biological traits on T. absoluta are here reported. Laboratory trials have been conducted to define the parasitoid host stage preference, its life tables, the young instars developmental time, its longevity, its reproductive behaviour , its progeny sex-ratio, the wasp host-killing activity, the effect of the host density on the parasitoid fecundity, fertility and biocontrol activity and the effect of a sugary-protenic diet on the adults performance. Bracon nigricans proved to be an idiobiont, synovigenic, gregarious, ectoparasitoid of T. absoluta 3rd and 4th instar larvae, with a slightly male-biased sexratio. Female wasps showed behavioural plasticity in host use, as initial host paralysis was followed by either host-feeding, oviposition or a rejection of the host. This led to high mortality rate in the exposed hosts (around 70%). While, only 33% of the laid parasitoid eggs reached adulthood, suggesting that the exotic moth showed only a partial suitability for the endemic parasitoid development. Although further field studies are needed, data obtained under laboratory conditions suggest that B. nigricans could be considered as a potential biological control agent of T. absoluta in the newly invaded areas.
Biology behaviour, Host-feeding, Life tables, Biological control, Tomato.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Zappalà et al_2013 Accademia.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Dimensione 81.19 kB
Formato Adobe PDF
81.19 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/27915
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact