Fantascienza e pedagogia: educare alla previsione