La "astrattezza" della procura: alle origini di un dogma