Ancora sulle poesie per musica di Fortini