Sull’interpretazione di alcuni frammenti di medicina veterinaria nei Cesti di Giulio Africano