The article discusses the opportunities which the web 2.0 is offering to the scientific community. Taking the idea by the Robert Darnton's "The Case of Books", Di Gregorio calls into question whether the internet's contribution to a new era of information will be instability and volatility or, rather, new prospects for a more diffuse learning. Beyond the more common case, that is if the book will ever be replaced by its digital equivalent, the key question concerns more specifically the Google's digitization project of the libraries, therefore the real risk of a digital monopoly on the "Republic of Learning"

L'articolo discute le opportunità che il web 2.0 può offrire alla comunità scientifica. Prendendo lo spunto dal libro di Robert Darnton dal titolo "The Case of Books". L'autrice si pone due questioni la prima rigarda le prospettive disciplinari delle scienze sociali nella nuova era dell'informazione digitale. La seconda la volatilità o l'instabilità della informazione digitale e gli effetti sulle discipline umanistiche. Infine, al di là del più comune dibattito se il libro sarà sostituito dal suo equivalente digitale, la domanda chiave per storici, intellettuali e utenti delle biblioteche riguarda più specificamente il progetto di Google delle Biblioteche, e quindi il rischio reale della formazione di un monopolio digitale sulla costituenda "Repubblica della Cultura" digitale che sembra essere oggi il tratto più innovativo della strumentazione intellettuale globale.

Google, libri e biblioteche

DI GREGORIO, Giuseppa
2010

Abstract

L'articolo discute le opportunità che il web 2.0 può offrire alla comunità scientifica. Prendendo lo spunto dal libro di Robert Darnton dal titolo "The Case of Books". L'autrice si pone due questioni la prima rigarda le prospettive disciplinari delle scienze sociali nella nuova era dell'informazione digitale. La seconda la volatilità o l'instabilità della informazione digitale e gli effetti sulle discipline umanistiche. Infine, al di là del più comune dibattito se il libro sarà sostituito dal suo equivalente digitale, la domanda chiave per storici, intellettuali e utenti delle biblioteche riguarda più specificamente il progetto di Google delle Biblioteche, e quindi il rischio reale della formazione di un monopolio digitale sulla costituenda "Repubblica della Cultura" digitale che sembra essere oggi il tratto più innovativo della strumentazione intellettuale globale.
The article discusses the opportunities which the web 2.0 is offering to the scientific community. Taking the idea by the Robert Darnton's "The Case of Books", Di Gregorio calls into question whether the internet's contribution to a new era of information will be instability and volatility or, rather, new prospects for a more diffuse learning. Beyond the more common case, that is if the book will ever be replaced by its digital equivalent, the key question concerns more specifically the Google's digitization project of the libraries, therefore the real risk of a digital monopoly on the "Republic of Learning"
web 02; cultura; dibattito
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/31044
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact