Il gusto del dubbio e dell'ironia: un ricordo di Remo Ceserani