I professori resistenti e il Congresso negato per «ordine pubblico»