«Hanno rinnegato il legittimo e accolto il bastardo» (E 168): estraneità e conflitto nella Parafrasi di Nonno di Panopoli