La filologia e l'ora della leggibilità