Medici, Marleen e militari. O della brava gente al cinema