Sulla dismisura. Una lettura dell'Antigone di Sofocle