La difesa della lingua non è cosa anacronistica