La città romana fra prima età imperiale e Tarda Antichità costituisce uno dei modi significativi dell’attuale dibattito storiografico in àmbito antichistico. Il “declino” e la “caduta” possono costituire una lettura del fenomeno urbano ma non certamente l’unica interpretazione possibile: “continuità” e “trasformazione” rappresentano infatti altri schemi interpretativi, altrettanto validi, ma non pienamente soddisfacenti per inquadrare un rapporto, quello fra i centri urbani ed il territorio, assai complesso e variamente articolato nel tempo e nello spazio, per il quale, semmai, più promettente appare l’analisi di singoli contesti regionali per verificare poi la validità di quadri teorici generali.

Nota critica a J.H.W.G. Liebeschuetz, Decline and Fall of the Roman City, Oxford University Press 2001

ARENA, Gaetano Maria
2005

Abstract

La città romana fra prima età imperiale e Tarda Antichità costituisce uno dei modi significativi dell’attuale dibattito storiografico in àmbito antichistico. Il “declino” e la “caduta” possono costituire una lettura del fenomeno urbano ma non certamente l’unica interpretazione possibile: “continuità” e “trasformazione” rappresentano infatti altri schemi interpretativi, altrettanto validi, ma non pienamente soddisfacenti per inquadrare un rapporto, quello fra i centri urbani ed il territorio, assai complesso e variamente articolato nel tempo e nello spazio, per il quale, semmai, più promettente appare l’analisi di singoli contesti regionali per verificare poi la validità di quadri teorici generali.
Città; Impero romano; Storiografia; Campagna; Declino; Continuità; Trasformazione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/32180
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact