Raccontare e coltivare il deserto: Absolutely Nothing di Giorgio Vasta e Ramak Fazel