«Il potente fantasma». La lingua come “valore” nazionale nel primo Romanticismo