Il "filtro" nell'appello del lavoro