The paper aims at exploring the relation between commons, resistance strategies and cultural production in Catania through analysing different cases of occupation of spaces for (counter)cultural production and consumption, thus rejecting the commodification logics of the neoliberal “creative city”. Resulting from fieldwork, in-depth interviews and document analysis, our research aims at evaluating the overlapping between artistic-cultural reasons and discursive practices inspired by the urban commons and participative democracy, as well as the relations with both institutional actors and the socio-economic and cultural milieu of the city.

Il paper intende esplorare il rapporto tra beni comuni, strategie di resistenza e produzione culturale a Catania attraverso un’analisi di esperienze di occupazione e/o riappropriazione dal basso di spazi finalizzati all’offerta e al consumo di (contro)cultura, che rifiutano le logiche di mercificazione della città neoliberista. Attraverso indagini sul campo, interviste in profondità e l’analisi della documentazione prodotta dagli attivisti, la ricerca intende valutare le sovrapposizioni tra motivazioni artistico-culturali e le pratiche discorsive ispirate agli urban commons e alla democrazia partecipativa, nonché le relazioni da un lato con gli attori istituzionali e, dall’altro, con il tessuto socio-economico e culturale della città.

Cultura bene comune? Strategie di resistenza e riappropriazione dal basso in una città mediterranea

ruggiero luca;GRAZIANO, TERESA
2018-01-01

Abstract

Il paper intende esplorare il rapporto tra beni comuni, strategie di resistenza e produzione culturale a Catania attraverso un’analisi di esperienze di occupazione e/o riappropriazione dal basso di spazi finalizzati all’offerta e al consumo di (contro)cultura, che rifiutano le logiche di mercificazione della città neoliberista. Attraverso indagini sul campo, interviste in profondità e l’analisi della documentazione prodotta dagli attivisti, la ricerca intende valutare le sovrapposizioni tra motivazioni artistico-culturali e le pratiche discorsive ispirate agli urban commons e alla democrazia partecipativa, nonché le relazioni da un lato con gli attori istituzionali e, dall’altro, con il tessuto socio-economico e culturale della città.
The paper aims at exploring the relation between commons, resistance strategies and cultural production in Catania through analysing different cases of occupation of spaces for (counter)cultural production and consumption, thus rejecting the commodification logics of the neoliberal “creative city”. Resulting from fieldwork, in-depth interviews and document analysis, our research aims at evaluating the overlapping between artistic-cultural reasons and discursive practices inspired by the urban commons and participative democracy, as well as the relations with both institutional actors and the socio-economic and cultural milieu of the city.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
1454-5805-1-PB.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Dimensione 7.91 MB
Formato Adobe PDF
7.91 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/322484
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact