Il male come «privazione». Simplicio e Filopono, in difesa della materia