Fra il 1804 e il 1807 Francesco Saverio lanolina (1743-1814) Regio custode delle Antichità di Val di Noto e Val Demone comincia un viaggio che lo condurrà a Napoli e a Roma. In questi lunghi mesi scrive un "giornale", un affresco finora inedito della socialità colta e aristocratica, delle tensioni politiche, dei mesi inquieti che precedono l'effimera tregua seguita alla pace di Amiens

Il diario del Cavalier Saverio Landolina (1804-1806)

Lavinia Gazzè;
2017

Abstract

Fra il 1804 e il 1807 Francesco Saverio lanolina (1743-1814) Regio custode delle Antichità di Val di Noto e Val Demone comincia un viaggio che lo condurrà a Napoli e a Roma. In questi lunghi mesi scrive un "giornale", un affresco finora inedito della socialità colta e aristocratica, delle tensioni politiche, dei mesi inquieti che precedono l'effimera tregua seguita alla pace di Amiens
Antiquaria, Napoli, Roma, viaggiatori, Landolina
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/336690
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact