Una visione del mondo che rifiutava «la tirannia della gioia»