Convergenti disaccordi. Spigolature deleuziane sul testo di un amico