Il «Sabato fascista»: un modello pedagogico dogmatico e omologante