Matrimonio e codici. L'ambiguo statuto della corporeità