Alcune osservazioni sul significato delle dottrine non scritte e dell’esoterismo in Platone