«Hai padre, eso no»: su un manoscritto ignorato della Mojigata