"In ius vocatio" e violazione del domicilio