La schiava di Moregine tra prostituzione e affectio domini