Sulla raucitas (e sonoritas) di Petrarca: una postilla del Codice degli abbozzi