Spinoza, Hume e la politica come immanenza