Dagli scartafacci alla 'vulgata': la canzone 207 e il sonetto 211 dei "Rerum vulgarium fragmenta"