La politica come eccedenza: il circolo reale/realtà nelle Illusions perdues