Frazionamento “abusivo” del credito e controllo giudiziale sull’interesse ad agire