Calvino, Cosimo e l’altra vegetazione