Sul Nachleben di AP 11, 127 e una sua inedita versio umanistica