«Sono un’improvvisatrice della lingua». La scrittura dell’io di Laura Betti